Blog

Soggiornare a Tarquinia - Case vacanza e territorio - Blog - Le case di Giuly
 
Pubblicato il 29-03-2020   |   Case vacanza e territorio
Soggiornare a Tarquinia


Tarquinia perla del Lazio

Comune Italiano di 16.279 abitanti della provincia di Viterbo, si trova a 133m di altitudine e vicino al fiume Marta. Dalla spiccata architettura medievale accentuata dalle numerose torri dalle mura e da parecchie chiese.


Pillole di Storia

Tarquinia (Tarquinii in latino, Tarchna in etrusco) fu uno dei più antichi insediamenti della dodecapoli etrusca, diede a Roma la dinastia dei re etruschi (Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il superbo) alla fine del VII e del VI secolo a,C. Tarquinia fu definitivamente sottomessa a Roma nel 295 a.C. e da allora fece parte dei territori Romani della "Regio VII Etruria". Sul suo litorale si sviluppò la colonia marittima di Gravisca la quale fino alla fondazione di Centumcellae (la attuale Civitavecchia) da parte dell'imperatore Traiano nel II sec. d.C., rappresentò il principale porto dell'Etruria meridionale .Nei secoli furono molte le escursioni di popoli comquistatori nei porti, ricordiamo i saraceni, i barbareschi, ed i due porti alternarono così la loro importanza. Nel 1144 divenne libero comune con il nome di Corneto. Nel 1435 il papa Eugenio IV la elevò al rango di Civitas e sede vescovile. Difatti il palazzo Vitelleschi ora sede del museo archeologico nazionale, è intitolato proprio al cardinale Vitelleschi, nativo di Corneto. Chiaro che con questo atto la chiesa poneva l'accento sulla supremazia del potere spirituale su quello temporale.A partire dal 1458 si hanno testimonianze della presenza della popolazione di origine Albanese, che nel catasto del 1798 viene incorporata nel tessuto sociale come "Contrada di Zinghereria". Alla fine del 1800 la diocesi di Tarquinia e CIvitavecchia vengono unite, il porto di Tarquinia viene definitivamente chiuso lasciando il passo a quello di Civitavecchia il quale vanta fortificazioni progettate da architetti del calibro di Michelangelo Buonarroti e Antonio da Sangallo. Durante la seconda guerra mondiale divenne sede della scuola di paracadutismo, fu interessata da un massiccio programma di bonifica, seguito nel 1950 dalla riforma agraria. Nel 1960 si sviluppò la zona sul lido: Tarquinia lido si annovera tra le località balneari piu vive dell'alto Lazio.


Luoghi di interesse culturale

Tarquinia é patrimonio dell'Unesco. Chi soggiorna a Tarquinia o Tarquinia lido, vicinissime tra loro, non può perdere una visita alla necropoli etrusca, alla città etrusca posta sul Pian di Civita con l'Ara della Regina, al borgo medievale cinto tra mura maestose e numerose torri, palazzo Vitelleschi ora sede del museo archeologico ed in cui tra le molte opere etrusche troverete i famosi cavalli alati. Le chiese sono numerose, la città è viva e si presenta agli occhi del turista in tutta la sua secolare bellezza.


Luoghi di interesse naturalistico

La riserva naturale della saline merita una mensione speciale. Spesso noi dalla nostra casa vacanza la raggiungiamo in bicicletta, qualche chilometro pedalando in una stradina provinciale secondaria, tra l'ombra degli alberi ed il sole dei campi e il paesaggio di cui si va a godere ripaga della sudata. Qui, nelle vasche che un tempo erano adibite alla produzione di sale, il mare ha creato un habitat per molti uccelli protetti... Per quello mentre si prende il sole sdraiati sulla sabbia, spesso si può godere del volo simultaneo ed elegante di fenicotteri in "passeggiata" serale o di cigni che curiosi vengono a fare il bagno accanto a noi. Cicogne ed altre meraviglie che la natura ci ha donato e che il territorio di Tarquinia difende con impegno. 

Nel prossimo articolo troverete invece delle "disinteressate" indicazioni su DOVE alloggiare😂👌

 

 
 
Scrivi un commento
Codice di verifica *
 
Privacy: Autorizzo al trattamento dei dati personali *
 
* campi obbligatori